Strutture Scientifiche

Istituti

Gli Istituti presenti nell'Area di Ricerca sono i seguenti:

  • Istituto di Biometeorologia (IBIMET)

    IBIMET opera nella definizione di strategie e nello sviluppo di tecnologie e soluzioni operative che contribuiscano alla resilienza ed alla sostenibilità dei sistemi territoriali e produttivi rispetto alle emergenze globali che interessano le risorse agroalimentari e no- food, il clima e la meteorologia.

  • Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali (ICVBC)

    L'istituto affronta problematiche che vanno dallo studio dei materiali e delle tecniche di esecuzione dei manufatti, alla individuazione delle cause e dei meccanismi di degrado, alla consulenza tecnico-scientifica per gli interventi di restauro e conservazione, allo sviluppo di metodologie e prodotti per il restauro, alla valorizzazione e fruizione delle opere d’arte e del loro contesto urbano.

  • Istituto di Fisica Applicata "Nello Carrara" (IFAC)

    Sulla base delle proprie competenze multidisciplinari in spettroscopia applicata, optoelettronica e fotonica, laser e applicazioni, elettromagnetismo, sensori e metodi di osservazione ottici, elaborazione dell'informazione, IFAC svolge attività di ricerca, di valorizzazione, trasferimento tecnologico e di formazione, nei settori prioritari della biomedica, dell'ambiente, del patrimonio culturale, delle produzioni industriali.

  • Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante (IPSP)

    La Sede Secondaria di Firenze dell'IPSP studia i fattori di stress in piante agrarie e forestali, allo scopo di individuare meccanismi di resistenza, processi di adattamento e metodi di difesa da agenti biotici e abiotici. Le finalità sono quelle di contribuire al miglioramento qualitativo e quantitativo delle produzioni agroalimentari, di prevenire e contenere i danni causati alle piante, comprese quelle in ambiente urbano, e di promuovere conoscenze per una crescita sostenibile e rispettosa dell'ambiente.

  • Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree (IVALSA)

    L'istituto è attivo nelle seguenti aree:

    • Caratterizzazione, selezione, propagazione e sviluppo di biotecnologie applicate alle specie arboree;
    • Conservazione in vivo e in vitro del germoplasma;
    • Valorizzazione e tutela dell'ambiente agro-forestale;
    • Caratterizzazione tecnologica del legno e miglioramento qualitativo della produzione legnosa in foresta ed in impianti di arboricoltura;
    • Attività di ricerca nella conservazione del patrimonio culturale del legno;
    • Sviluppo di tecnologie innovative per l'utilizzazione in campo industriale e civile del legno inclusa la raccolta delle biomasse.
  • Istituto per le Applicazioni del Calcolo "Mauro Picone" (IAC) - UOS FI

    L'istituto si occupa di sviluppare modelli e metodi matematici, statistici e computazionali di elevato carattere innovativo per la risoluzione, in ambito prevalentemente interdisciplinare, di problemi di rilevante interesse applicativo per le scienze, la società e l'industria.

  • Istituto di Bioscienze e Biorisorse (IBBR) - UOS FI

    L'IBBR si sviluppa su due temi correlati:

    • Aumentare le conoscenze di biologia fondamentale, in particolare delle basi genetiche e dei meccanismi molecolari e genetici che regolano funzionamento, adattamento, riproduzione, evoluzione, e relazioni con l'ambiente dei sistemi biologici;
    • Salvaguardare e gestire in maniera sostenibile le biorisorse nei settori agrario, alimentare, ambientale e pe la tutela della salute, in particolare sviluppando applicazioni per migliorare e valorizzare le produzioni agroalimentari e forestali e prevenire patologie.
  • Isitituto per l'Inquinamento Atmosferico (IIA) - UOS FI

    L'Istituto svolge attività di ricerca in relazione alle seguenti aree tematiche:

    • Inquinamento atmosferico in aree urbane e industriali;
    • Inquinamento industriale ed ambienti ad elevato rischio ambientale;
    • Sviluppo di tecnologie e metodologie analitiche da laboratorio e da piattaforma per la caratterizzazione della qualità e sostenibilità ambientale;
    • Ambienti polari;
    • Cicli degli inquinanti atmosferici ed influenza sui cambiamenti globali;
    • Reti e sistemi osservativi per l'inquinamento atmosferico in supporto alle direttive europee e convenzioni internazionali;
    • Sviluppo di sistemi e tecnologie per la condivisione delle informazioni geospaziali e della conoscenza ambientale;
  • Istituto di Neuroscienze (IN) - UOS FI

    L'istituto si occupa di:

    • Promuovere la conoscenza globale dell'organizzazione e del funzionamento del sistema nervoso, favorendo la formazione di ricercatori di diverse discipline biomediche e la loro attività sinergica;
    • Stimolare l'applicazione della conoscenza scientifica per la risoluzione e la cura di condizioni patologiche del sistema nervoso.
  • Istituto dei Sistemi Complessi (ISC) - UOS FI

    La nostra unità ospita ricerca sui sistemi complessi, che sono sistemi composti da molti elementi la cui reciproca interazione dà origine a fenomeni emergenti inaspettati. Ad esempio, il comportamento del cervello non può essere previsto dallo studio di un neurone isolato. Analogamente, la superconduttività non può essere prevista dallo studio di un singolo elettrone. Tuttavia, l'emergere di comportamenti collettivi non è certo limitato alle scienze fisiche, ma è onnipresente in natura, dalla biologia, ai sistemi sociali e dell'economia. Per questo motivo, lo studio di sistemi complessi, sia a livello teorico o empirico, richiede una mentalità realmente interdisciplinare. La grande varietà di attività di ricerca ISC riflette questa visione della complessità.

  • Istituto per lo Studio degli Ecosistemi (ISE) - UOS FI

    L'Istituto per lo Studio degli Ecosistemi svolge attività di ricerca di base e applicata sulla struttura e sul funzionamento degli ecosistemi acquatici e terrestri, anche alla luce dei cambiamenti globali e della pressione antropica. L'obbiettivo è di acquisire la conoscenza scientifica che deve essere alla base di qualsiasi intervento protettivo e correttivo. Questa attività è prezioso supporto agli enti preposti alla tutela e al recupero ambientale.

Altre Strutture

L'Area di Ricerca ospita inoltre:

  • Consorzio LaMMA

    Il LaMMA, Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile, è un consorzio pubblico tra la Regione Toscana e il Consiglio Nazionale delle Ricerche costituito nel 2007. I principali settori in cui si è specializzato il Consorzio LaMMA sono la meteorologia, la climatologia, i sistemi informativi geografici (GIS) e la geologia. Inoltre, il Consorzio ha acquisito una notevole esperienza nel campo della modellistica di dispersione degli inquinanti in atmosfera, negli studi anemologici a fini eolici, nella modellistica marina ed oceanografica, nel controllo degli inquinanti e dello stato di salute del mare, nel monitoraggio della vegetazione.

  • Centro di Microscopie Elettroniche (Ce.M.E.)

    Il Centro di Microscopie Elettroniche è un centro multidisciplinare che svolge attività di ricerca in tutti i settori scientifici che utilizzino la microscopia elettronica come strumento di indagine dando un supporto fondamentale all'attività di ricercatori del CNR, dell'Università nell'ambito locale e nazionale nonchè a Enti Pubblici, Privati e Imprese.

  • ENEA - Ufficio Territoriale per la Toscana

    L'ENEA è l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile. Esegue attività di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e applicazioni avanzate, di diffusione e trasferimento dei risultati, nonché di supporto alla PA ed alle imprese nei campi della efficienza energetica, delle fonti rinnovabili, del nucleare, dell'ambiente e del clima, della sicurezza e salute, delle nuove tecnologie e nella ricerca di sistema elettrico.

  • Centro Ricerca e Impresa (CRI)

    Il CENTRO RICERCA e IMPRESA è un centro di competenza del CNR, realizzato nel 2013 dagli Istituti dell'Area di ricerca CNR di Firenze con il determinante sostegno della Regione Toscana, come soggetto riconosciuto nell'ambito della rete regionale toscana per l'innovazione. Il Centro intende valorizzare le ricerche e le competenze tecnologiche degli Istituti CNR, promuovendone i risultati nella società della conoscenza, offrendo alle imprese servizi avanzati, progetti condivisi e formazione professionale specialistica, per il trasferimento di nuove tecnologie e l'innovazione di processi e di prodotti.

Occupazione Edifici

Mappa istituti
Struttura Edificio
Portineria B
Centro Congressi F
Mensa, Bar F
Uffici Area F
IBIMET D, F
ICCOM C
ICVBC C
IFAC B, C
IPSP E
IVALSA D, E
IAC F
IBBR D
IIA F
IN F
INO B
ISE C, D
LaMMA D
CEME E
ENEA F
CRI A