News List News

Presentazione del libro “Pugni chiusi” alla Camera dei Deputati

Presentazione del libro “Pugni chiusi” di Ezio Alessio Gensini e Leonardo Santoli alla Camera dei Deputati 15 novembre 2018 ore 11.30 Sala “Nilde Jotti” del Palazzo Theodoli Bianchelli in Roma

Dopo la presentazione ufficiale del 25 giugno 2018 nel Palazzo del Consiglio Regionale della Toscana (Sala del Gonfalone) e nella suggestiva Loggia dei Banchi a Pisa in occasione dell’Internet Festival 2018 il libro curato da Ezio Alessio Gensini e Leonardo Santoli “Pugni chiusi” verrà presentato il 15 novembre 2018 alle ore 11.30 alla Camera dei Deputati, nella Sala “Nilde Jotti” del Palazzo Theodoli Bianchelli, Piazza del Parlamento n° 19 – Roma.

Moderatore dell’incontro sarà il curatore della pubblicazione Ezio Alessio Gensini. Saluti e introduzione all’evento da parte dell’on. Rosa Maria Di Giorgi (già Vice-Presidente del Senato della Repubblica e Ricercatrice al Cnr). Interverranno in qualità di relatori e relatrici: Anna Vaccarelli (Ricercatore-tecnologo Cnr-Iit), Sara Simona Racalbuto (Psicologa e psicoterapeuta specialista in psicologia clinica), Leonardo Santoli (Curatore della pubblicazione “Pugni chiusi”), Serenella Sèstito (Avvocato), Antonio Tintori (Ricercatore all’Irpps-Cnr e Docente all’Università La Sapienza di Roma), Giulia Morello (Regista e scrittrice). Presenti anche gli autori: Riccardo Medici (Scrittore) e Edoardo Marzocchi (Ufficiale GdF e scrittore). Con il contributo artistico della cantattrice Rossella Seno.

Con “Pugni chiusi” i curatori hanno cercato di nuovo di dare visibilità a “punti di vista diversi” sul tema del bullismo. Sono state vagliate e considerate le candidature e gli articoli di giornalisti, “punti di vista” di pittori e vignettisti, di blogger, di giuristi, di ricercatori scientifici, di accademici, di artisti e di altre figure professionali. Punti di vista, visti da punti diversi. Con un unico scopo. Donne e Uomini sensibili al problema “contro” questa piaga sociale che mina generazioni di giovani e non solo giovani.

Come sappiamo il bullismo è una forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale, di natura sia fisica che psicologica, oppressivo e vessatorio, ripetuto nel corso del tempo e attuato nei confronti di persone considerate dal soggetto che perpetra l'atto in questione come bersagli facili e/o incapaci di difendersi. L'accezione è principalmente utilizzata per riferirsi a fenomeni di violenza tipici degli ambienti scolastici, e più in generale di contesti sociali riservati ai più giovani. Lo stesso comportamento, o comportamenti simili, in altri contesti, sono identificati con altri termini, come mobbing in ambito lavorativo o nonnismo nell'ambito delle forze armate. A partire dagli anni 2000, con l'avvento di Internet si è andato delineando un altro fenomeno legato al bullismo, anche in questo caso diffuso soprattutto fra i giovani, il cyber-bullismo. Il bullismo come fenomeno sociale e deviante è oggetto di studio tra gli esperti delle scienze sociali, della psicologia giuridica, clinica, dell'età evolutiva e di altre discipline affini. Non esiste una definizione univoca del bullismo per gli studiosi, sebbene ne siano state proposte diverse. È possibile tuttavia individuare le caratteristiche generali del fenomeno in questione. Abbiamo cercato di analizzare il tema con l'aiuto di autorevoli interlocutori. Ogni saggio è “preceduto e seguito” da alcuni contributi artistici ed “emozionali” di Leonardo Santoli e Ezio Alessio Gensini. Un contributo emozionale oltre che sociale e solidale.

‘Pugni chiusi’ è scaricabile gratuitamente dal sito web della Regione Toscana.

La Ian McHarg medal a Stefano Nativi

La Ian McHarg medal a Stefano Nativi

Stefano Nativi, ricercatore presso l’Istituto sull’inquinamento atmosferico (sede secondaria di Firenze), attualmente fuori ruolo ricoprendo l'incarico di 'Big Data Lead Scientist' presso la DG Joint Research Center della Commissione Europea, riceverà a Vienna la Ian McHarg medal per il suo contributo alle comunità della Digital Earth e della Global Earth Observation System of Systems (GEOSS).

La Ian McHarg medal è stata istituita dalla divisione 'Earth and Space Science Informatics' della European Geoscience Union (EGU), quale riconoscimento agli scienziati che si sono distinti per l’eccellenza del loro lavoro scientifico nell’ambito delle scienza e tecnologia dell’informazione nei settori dell’osservazione della Terra e delle tecnologie ambientali.

EGU (European Geosciences Union) è una delle più importanti associazioni scientifiche internazionali non-profit, con sede a Monaco di Baviera, che riunisce oltre 12 mila scienziati di tutto il mondo esperti in tutti i campi della geoscienza.

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale della European Geosciences Union (EGU)

A Genova il Festival della Scienza: gli eventi e le iniziative del Cnr

A Genova il Festival della Scienza: gli eventi e le iniziative del Cnr

Il tema chiave dell’edizione 2018 - cambiamenti - attraverso un’ampia offerta di mostre, laboratori e conferenze che esprimono il carattere fortemente interdisciplinare della ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche: dagli studi sui cambiamenti climatici alla fisica quantistica, dalle tecnologie per i beni culturali alle scienze umane

Nell’edizione del Festival della Scienza dedicata ai Cambiamenti, in programma a Genova dal 25 ottobre al 4 novembre, sono numerose le iniziative organizzate dal Consiglio nazionale delle ricerche, partner e socio fondatore della manifestazione: mostre, laboratori e conferenze che esprimono la multidisciplinarietà propria della ricerca dell’Ente. Ne sono esempio: 'AI4museum: beni culturali per #natividigitali' (Palazzo Bianco), un viaggio immersivo tra reale e virtuale attraverso importanti opere del patrimonio culturale italiano 'lette' per mezzo di tecnologie digitali e robotiche a cura di Cnr-Icar; 'Quantum technologies' (Piazza delle Feste) laboratorio a cura degli Istituti Spin, Ino e Ifn in collaborazione con Ibm Italia dedicato alla fisica quantistica, settore di ricerca in cui il Cnr detiene un ruolo di leadership scientifica a livello internazionale; 'Marc, Shark e Minishark' (Munizioniere di Palazzo Ducale) che illustra attraverso modelli costruiti ad hoc la tecnologia alla base dei veicoli robotici marini progettati e realizzati da Cnr-Inm e utilizzati nelle campagne di ricerca polare. Tra le mostre, sono dedicate all’impatto dei cambiamenti climatici sul nostro pianeta 'Uno sguardo dal cielo! I cambiamenti degli ecosistemi visti dai satelliti' (a cura di Cnr-Igg) e 'Aquae – Il futuro è nell’oceano - Preview' (a cura di Ufficio Comunicazione Informazione e Urp del Cnr in collaborazione con Cnr-Dta e gli Istituti Ismar, Ias, Isac e Inm) entrambe ospitate al Munizioniere di Palazzo Ducale; mentre 'Racconti e ritratti di medicina e malattia', a cura dell’Ufficio stampa del Cnr e allestita al Palazzo della Commenda di Prè, affronta il concetto della malattia attraverso le forme di narrazione letteraria e visuale che hanno caratterizzato le diverse epoche.

Si rivolgono al pubblico dei più giovani i laboratori interattivi 'Legami indissolubili' sulla chimica delle sostanze leganti e delle tecniche di fissaggio utilizzate per mosaici, dipinti e affreschi (Palazzo Bianco, a cura di Cnr-Ismac); 'Cambiamenti plastici' dedicato al ciclo della plastica e alle soluzioni per un suo utilizzo responsabile (Galleria Atlantide – Acquario di Genova, a cura degli Istituti del Cnr Ias e Ismac); 'Gocce schizzinose' sulla 'bagnabilità' delle superfici (Biblioteca De Amicis, a cura di Cnr-Icmate), 'La scienza nella carne' (Cisterne di Palazzo Ducale, a cura di Associazione Festival, Montana e Cnr-Isa) e 'Il gioco d’azzardo cambia (le) menti' (Porta Siberia, a cura di Cnr-Ismac in collaborazione con Asl Regione Liguria): un’inedita esperienza interattiva che permette di comprendere le alterazioni psicologiche e cognitive alla base del gioco d’azzardo, oggi sempre più diffuso anche tra i giovanissimi.

Tra gli eventi speciali, la presentazione in anteprima dell’ultimo albo della collana editoriale di Cnr Edizioni Comics&Science 'The light issue', che contiene una storia a fumetti dell’artista Zerocalcare dedicata alla ricerca svolta presso l’infrastruttura di luce di sincrotrone Elettra (incontro 'Particelle accelerate e accolli vari', Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale il 30 ottobre alle 18, con il direttore di Cnr-Iac Roberto Natalini, Giorgio Paolucci del laboratorio Sesame, il matematico Andrea Plazzi e Michele Rech, in arte Zerocalcare). Completano il programma le conferenze:

  • 'Contatti in luce'. Il percorso 'Make a visual aid' (Liguria Spazio Aperto, Palazzo Ducale, il 26 ottobre alle 16.30) con Sveva Avveduto (Cnr-Irpps), Federico Bartolomei e Fabio Fornasari;
  • 'Meno plastica, più Mediterraneo' (Auditorium dell’Acquario di Genova, il 27 ottobre alle 17) con i ricercatori Cnr-Ismar Marco Faimali e Francesca Garaventa, Stefania Gorbi e Francesco Regoli (Università delle Marche), Serena Maso (Greenpeace Italia);
  • 'Nuove tecnologie per la traduzione assistita. I segreti del Talmud babilonese svelati con Traduco' (Palazzo della Borsa, il 28 ottobre alle 11.30) con Emiliano Giovannetti (Cnr-Ilc), Clelia Piperno e Rav Gadi Fernano Piperno (progetto Talmud);
  • 'La prevenzione si fa a tavola e non solo' (Salone congressi dell’Ospedale Galliera, il 30 ottobre alle 10) con Rita Bugliosi (Ufficio stampa Cnr), Roberto Volpe (Servizio protezione e prevenzione del Cnr), Franco Gambale (Cnr-Ibf), gli specialisti Paolo Bellotti e Alberto Pilotto, il filmaker Angelo Caruso;
  • 'La seconda rivoluzione quantistica' (Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale il 31 ottobre alle 18) con Tommaso Calarco (Università di Firenze) e Francesco Saverio Cataliotti (Cnr-Ino);
  • 'Le cellule scambiano di continuo materiali e segnali' (Palazzo Ducale, Archivio storico del comune, il 1 novembre alle 15.00), con Jacopo Meldolesi (Fond. S. Raffaele) e Claudia Verderio (Cnr-In);
  • 'Odi et amo. Gli italiani e la scienza: opinioni e tendenze' (Palazzo Ducale, Archivio storico del comune, il 3 novembre alle 18.30), con Marco Ferrazzoli (Capo ufficio stampa Cnr), i giornalisti Elisabetta Tola e Andrea Rubin, Giuseppe Pellegrini (Observa Science in Society);
  • 'Verso il cambiamento: Smart@Pompei' (Museo di storia naturale ‘G. Doria’. Il 4 novembre alle 14.30), promossa dal Dipartimento scienze umane e sociali del Cnr con Luca Papi (Cnr-Dsu) e Alberto Bruni (Mibact);

Altre partnership, infine, riguardano la mostra sulle disabilità visive '150 modi di vedere' (Palazzo Ducale – Liguria Spazio Aperto) organizzata dall’Istituto David Chiossone in collaborazione con Cnr-Itd e la mostra fotografica 'In a changing sea' (Galleria Atlantide – Acquario di Genova) allestita da AMY_D Arte S.p.Azio in collaborazione con Cnr-Ismar.

Fonte: Cnr – vari Istituti e strutture - Festival della Scienza, Genova, 25 ottobre – 4 novembre, www.festivalscienza.it